Potrebbero aumentare ulteriormente le imposte sulla Locazione, come evitarlo

Locazione

confronta il risparmio di Imu e cedolare su una seconda casa affittata

Cerchiamo di capire perchè potrebbero aumentare ulteriormente le imposte (già altissime) sul contratto di locazione.

A parte i soliti argomenti, il nostro debito pubblico enorme e la relativa spesa pubblica in costante aumento che ha sempre necessità di nuove risorse, abbiamo da poco visto come il governo tecnico abbia prontamente fatto ricorso ad un ulteriore inasprimento della pressione fiscale sui contratti di locazione, infatti con La legge 28 giugno 2012, n. 92, di riforma del mercato del lavoro il nostro legislatore ha pensato di coprire i costi della riforma scaricandoli sui contratti di locazione,per la precisione si è scelto di aumentare la base imponibile modificando l’art. 37, comma 4 – bis del TUIR, si riduce la deduzione del 15% (precedente riduzione dell’imponibile sul canone) al 5% a decorrere dall’anno 2013. In pratica Il provvedimento ha l’effetto di produrre una crescita della base imponibile dei redditi da locazione, che passa dall’85% al 95% del canone percepito, nel caso in cui il locatore scelga l’assoggettamento  all’irpef. Mentre non cambia nulla per chi abbia adottato il sistema della cd cedolare secca che già si calcolava sul 100% del canone percepito.

Ora saranno finiti qui gli aumenti in un settore da sempre considerato al altissima percentuale di evasione e di conseguenza (come avviene spesso nel nostro paese) particolarmente colpito dalla pressione del fisco?

Probabilmente no, purtroppo temiamo che a breve anche il sistema della cd cedolare secca, creato come noto con lo scopo precipuo di far emergere il nero dei contratti non dichiarati (anche con il sistema del conflitto di interesse creato tra locatore e conduttore dalla astrusa normativa di adozione), subirà dei cambiamenti al rialzo, infatti pare che il sistema degli sconti (e dei conflitti locatore -conduttore) non stia dando al fisco i risultati sperati (anzi sia ben lontano dal darli) è proprio di queste ore la notizia che  secondo la Cgia di Mestre la cedolare secca non funziona e che sarebbero ancora in nero circa un milione di affitti, ecco il link dell’articolo su un noto quotidiano http://lastampa.it/2013/02/04/economia/finanza/finanza-personale/la-cedolare-secca-non-funziona-K3mLRYnip4ORRxq3m23G6O/pagina.html

che dire cosa possiamo aspettarci, se non un prevedibile prossimo aumento delle favorevoli aliquote previste da quella normativa??

A questo punto la buona notizia è che il contratto di locazione non è l’unico strumento contrattuale previsto dalla legge per mettere a reddito il proprio immobile dandone il possesso ad un altro soggetto. E che gli altri tipi contrattuali pur essendo perfettamente legali, sono molto meno diffusi della locazione ed anche per questo molto più economici fiscalmente, consentendo di ridurre notevolmente l’IMU e l’IRPEF quando si tratti di uso abitativo, e la sola IRPEF (ma in misura ancora più rilevante)  quando si tratti di uso commerciale. Tutto ciò almeno fino a quando queste normative più favorevoli non diventeranno di uso comune e quindi verranno modificate per non intaccare il fabbisogno fiscale dello stato!!! (fermo restando che i contratti già conclusi al tempo di una futura modifica non potranno subire aumenti fiscali)

Se vuoi saperne di più sul risparmio di IMU ed IRPEF sui tuoi immobili leggi l’interessante articolo cliccando questo link https://dirittoimmobiliare.altervista.org/risparmiare-le-tasse-sui-tuoi-immobili-in-affitto/

Se vuoi maggiori informazioni,  o avere una consulenza in studio o scritta contattaci!!

Oltre che consulenze in studio offriamo la possibilità, per i non residenti in Campania, di consulenze in videoconferenza, di consulenze scritte per il singolo caso con indicazione delle possibili soluzioni, o infine una relazione scritta con le varie soluzioni possibili in astratto per chi volesse farsi una prima idea preventiva delle possibili soluzioni contrattuali adottabili.

Per l’assistenza e la stipula di contratti siamo domiciliati anche a Milano, Roma e Brescia

La sede principale dello Studio Legale è in Napoli alla Via Guantai Nuovi 16

Tel. +39 081 4206164 – Fax +39 081 0105891   Mobile +39 340 5009682

Milano – Via P. Litta 7 Tel. +39 02 87198398 Fax +39 02 87163558

Brescia – Via Aldo Moro, 13 (Palazzo Mercurio)  Tel. +39 030 7777136 

E-mail:

[email protected]  [email protected]

posta certificata [email protected]

Avv. d’Ambrosio Borselli

E’  possibile chiedere un Preventivo gratuito, inviando una E-Mail all’indirizzo [email protected] . La mail avente ad oggetto “richiesta preventivo” è preferibile contenga, i dati del proprietario , quelli dell’immobile (i dati catastali), il tipo di uso che si adatta all’immobile, lo stato attuale dell’immobile (libero o locato) e una succinta descrizione della questione.
Sarete ricontattati con una e-mail che vi indicherà, quantificandolo nel dettaglio, il possibile  risparmio fiscale.

One thought on “Potrebbero aumentare ulteriormente le imposte sulla Locazione, come evitarlo

  1. Seguici anche su Twitter

Comments are closed.